Disclaimer
Scambio banner
Contattaci
Forum
Associazione
Cooperativa Biosphaera
5 numeri pubblicati, 22 articoli nel database, 90 immagini in archivio. Sito in versione BETA. Problemi nella visualizzazione? Clicca qui.


Approfondimenti sulla riproduzione di Pelvicachromis pulcher
Pelvicachromis_pulcher,_008_,_001.jpg
Femmina prossima alla riproduzione. (Alessandro Zecchino)

Studi scientifici sulla riproduzione della specie

Altri interessanti esperimenti sono stati condotti su coppie di Pelvicachromis pulcher nella fase di cure parentali: gli studiosi in questione sono partiti dalla semplice osservazione che gli adulti, ovviamente, durante l’allevamento della prole smettono di essere cannibali verso gli avannotti. Essi hanno sottoposto delle coppie con avannotti a test di vario genere, per valutare alcuni aspetti legati a questo comportamento. Il primo test è consistito nel verificare se i pesci, nel periodo di cure parentali, accettano avannotti provenienti da altre covate: l’esperimento ha mostrato come gli adulti accettino solamente piccoli di età non troppo differente da quella della loro prole, mentre mangino gli individui troppo più grandi o troppo più piccoli dei loro figli.

I genitori venivano separati visivamente tramite dei cilindri di plastica opaca posti nell’acquario da riproduzione, ed in seguito venivano loro presentati degli avannotti prelevati dalla loro covata. Se la separazione durava più di 4 giorni, gli avannotti venivano immancabilmente mangiati, ma se il periodo di separazione era più breve, gli adulti prendevano i piccoli in bocca e li esaminavano, per poi risputarli vivi. Questo comportamento è probabilmente mirato al riconoscimento di segnali chimici legati alla parentela, ma da ulteriori esperimenti viene mostrato come sia la vista ad avere il ruolo più importante nel mantenimento del comportamento di cura parentale da parte della coppia di adulti. Un terzo esperimento ci mostra come, cambiando le condizioni di separazione, i genitori reagiscano in maniera differente al momento della riunione con i propri avannotti.

Innanzitutto le coppie di ciclidi per l’esperimento sono state divise in tre gruppi: le coppie del gruppo n. 1 sono state separate dai loro avannotti sia visivamente che chimicamente, quelle del gruppo n. 2 solamente chimicamente (gli avannotti sono stati inseriti in un contenitore trasparente lasciato nella vasca parentale), mentre quelle del gruppo n. 3 sono state tenute in continuità di mezzo con i loro avannotti (i piccoli erano tenuti in una piccola vasca verso e dalla quale veniva pompata acqua della vasca parentale).

È risultato che, dopo 5 giorni di separazione, solamente le coppie che potevano vedere i propri avannotti non li divoravano al momento della riunione. Ciò ci fa supporre che, sebbene la parte chimica possa avere un ruolo nel riconoscimento (altrimenti non si spiegherebbe “l’assaggio” da parte dei genitori), è la visione della prole che mantiene la capacità di riconoscere i propri piccoli dopo la separazione.

Dal punto di vista pratico l’esperimento si è svolto inserendo gli avannotti di altre coppie in un punto piuttosto lontano dalla covata, ed osservando la reazione dei genitori: se essi prendevano i piccoli pesci e li risputavano nella loro covata, si considerava l’evento come una accettazione, mentre quando essi venivano mangiati dagli adulti si considerava l’evento, ovviamente, come una non accettazione. Gli avannotti venivano considerati accettati anche quando i due adulti li ignoravano.

Un altro esperimento condotto dallo stesso gruppo di studio ha invece mostrato come gli adulti di Pelvicachromis pulcher si comportino nel caso in cui essi vengano prima separati e poi riuniti ai loro avannotti, dopo periodi di tempo differenti.

Un altro tipo di esperimento è stato condotto su Pelvicachromis pulcher, mirato a valutare gli effetti di un supplemento di L - carnitina somministrato tramite l’alimentazione. La L - carnitina è uno zwitterione, vale a dire una molecola neutra che presenta cariche positive e negative localizzate; essa è largamente diffusa nel regno animale e meno in quello vegetale, e fu scoperta nel muscolo di bovino. Pur essendo chimicamente molto simile ad un amminoacido, essa non prende parte nella composizione delle proteine; comunque, per il suo ruolo nel metabolismo dei lipidi, la sua assenza è decisamente incompatibile con la vita.

01 marzo 2012
Sospensione delle attività redazionali e chiusura del forum.
27 agosto 2010
Aggiunti pulsanti di facebook.
14 maggio 2010
Pubblicato nuovo articolo: Alimentazione in cattività di Testudo hermanni - parte terza, di Fabrizio Fioravanti.
14 ottobre 2009
Aggiunto nuovo sito correlato.
12 aprile 2009
Aggiunto nuovo sito correlato.
05 febbraio 2009
Aggiunta nuova collaborazione: Cooperativa Biosphaera.
20 dicembre 2008
Pubblicato nuovo articolo: Biologia ed allevamento della formica Crematogaster scutellaris, di Serafino Teseo.
11 ottobre 2008
Riorganizzazione del forum.
23 giugno 2008
Riapertura del forum.
27 marzo 2008
Chiusura temporanea del forum.
13 marzo 2008
Pubblicato nuovo articolo: Miscellanea II, di Annalisa Plaitano.
27 febbraio 2008
Aggiornato lo staff.
Archivio news
Sito on-line da maggio 2007, versione 6.0 (BETA).
Sito scritto in php. Questo sito lavora con MySQL. Sito ottimizzato per Mozilla Firefox 2.0. Sito ottimizzato per Internet Explorer 7.0.