Disclaimer
Scambio banner
Contattaci
Forum
Associazione
Il discus e la gatta
5 numeri pubblicati, 22 articoli nel database, 90 immagini in archivio. Sito in versione BETA. Problemi nella visualizzazione? Clicca qui.


Allevare Symphysodon aequifasciatus in acquario

A lungo considerato un pesce impegnativo, oggi l'allevamento del discus non è più riservato a pochi esperti: la selezione in cattività, la migliore tecnologia a disposizione dell'acquariofilo, ma anche una maggior conoscenza delle esigenze di questo pur sempre delicato animale, hanno determinato il suo allevamento su larga scala.

Precedente - 1 2 3 4 5 6 - Successiva

Symphysodon_aequifasciatus,_003,_001.jpg
Giovane discus di circa 8 cm. (Serafino Teseo)

Introduzione

Symphysodon aequifasciatus Pellegrin 1904 è senza dubbio tra le più richieste specie di pesci tra gli acquariofili di tutto il mondo; giunto in Europa nei primi anni trenta, questo ciclide sudamericano è stato subito apprezzato per la bellezza della sua livrea e per i suoi modi “regali”. Malgrado non sia tra i pesci più facili da allevare, un numero elevato di acquariofili si dedica alla sua riproduzione, oltre agli altrettanto numerosi allevatori professionisti di tutto il mondo. Varietà sempre nuove di Symphysodon aequifasciatus o, per meglio dire, di discus, vengono messe sul mercato una dopo l’altra, a prezzi che partono da pochi euro per arrivare a cifre elevatissime. Il discus è spesso tenuto in acquari monospecifici, data la sua indole pacifica e timida, ma è possibile allevarlo anche in presenza di alcune altre specie, che tuttavia non devono arrecargli disturbo.

Definire questo pesce ospite d’onore della vasca, infatti, non sembra essere affatto eccessivo, non solo a causa dei colori e dell’eleganza, ma soprattutto per l’affascinante gamma di comportamenti riguardanti la scelta del partner e le cure parentali.

Classificazione

Per quanto riguarda la classificazione della specie, essa appartiene alla famiglia dei ciclidi, diffusa ampiamente nelle regioni tropicali e facente parte dell'ordine dei perciformi, del superordine dei teleostei e della classe degli attinopterigi. Esclusivamente d’acqua dolce, i ciclidi si trovano in America centro - meridionale, in Africa, in Madagascar, in Asia minore, in India e nell’isola di Sri - lanka.

La famiglia annovera all’incirca 1700 specie, accomunate da diverse peculiarità: innanzitutto si ha un unico osso faringeo inferiore invece delle due presenti nella stragrande maggioranza delle famiglie di teleostei, e ciò provoca una serie di modificazioni dell’intero apparato boccale. E’ infatti presente un secondo paio di mandibole, che vengono dette faringee e sono utilizzate in una sorta di masticazione. Un’altra peculiarità dei ciclidi è l’orientamento verso sinistra del duodeno, che di solito è rivolto a destra; inoltre la linea laterale è quasi sempre divisa in segmento superiore e segmento inferiore. Parlando di orecchio interno, infine, è degno di nota lo pseudocollicolo anterocaudale, un profondo solco nell’otolita normalmente assente negli altri pesci e dalla funzione ancora sconosciuta. Dal punto di vista tassonomico il genere Symphysodon comprende due specie, Symphysodon discus Heckel 1840 e appunto Symphysodon aequifasciatus. La prima specie comprende due sottospecie, ovvero S. discus discus e S. discus willischwartzi.

La seconda specie invece comprende tre sottospecie, che sono S. aequifasciatus axelrodi, S. aequifasciatus haraldi e S. aequifasciatus aequifasciatus. Questa classificazione, tuttavia, non è più accettata dalla maggior parte degli studiosi; è invece sempre più diffusa l’opinione che esista un’unica specie di Symphysodon, supportata da studi molecolari e dal fatto che tutti i discus sono sempre interfertili e producono sempre prole fertile.

Il primo discus fu catturato dal naturalista austriaco Johann Natterer nel 1833, durante una spedizione in Brasile, ma solo nel 1840 l’animale catturato fu riconosciuto da un altro naturalista, Johann Jacob Heckel, come appartenente ad una specie non ancora identificata. Fu lo stesso Heckel ad istituire il genere Symphysodon e a descrivere la specie Symphysodon discus. E’ tuttavia da attribuire ad un ittiologo francese, Jacques Pellegrin, la descrizione del Symphysodon aequifasciatus nel 1904.

Precedente - 1 2 3 4 5 6 - Successiva

01 marzo 2012
Sospensione delle attività redazionali e chiusura del forum.
27 agosto 2010
Aggiunti pulsanti di facebook.
14 maggio 2010
Pubblicato nuovo articolo: Alimentazione in cattività di Testudo hermanni - parte terza, di Fabrizio Fioravanti.
14 ottobre 2009
Aggiunto nuovo sito correlato.
12 aprile 2009
Aggiunto nuovo sito correlato.
05 febbraio 2009
Aggiunta nuova collaborazione: Cooperativa Biosphaera.
20 dicembre 2008
Pubblicato nuovo articolo: Biologia ed allevamento della formica Crematogaster scutellaris, di Serafino Teseo.
11 ottobre 2008
Riorganizzazione del forum.
23 giugno 2008
Riapertura del forum.
27 marzo 2008
Chiusura temporanea del forum.
13 marzo 2008
Pubblicato nuovo articolo: Miscellanea II, di Annalisa Plaitano.
27 febbraio 2008
Aggiornato lo staff.
Archivio news
Sito on-line da maggio 2007, versione 6.0 (BETA).
Sito scritto in php. Questo sito lavora con MySQL. Sito ottimizzato per Mozilla Firefox 2.0. Sito ottimizzato per Internet Explorer 7.0.