Disclaimer
Scambio banner
Contattaci
Forum
Associazione
Il discus e la gatta
5 numeri pubblicati, 22 articoli nel database, 90 immagini in archivio. Sito in versione BETA. Problemi nella visualizzazione? Clicca qui.


Metodo di allevamento di Bombyx mori

Si - lin - Chi, imperatrice giapponese, secondo la leggenda, fu la prima ad allevare il baco, dopo aver visto per caso un esemplare filare il bozzolo. Anche se l'industria della seta ha subito un forte ridimensionamento a seguito della comparsa delle fibre sintetiche, la bachicoltura sopravvive in Italia come in Oriente, accompagnando l'uomo da oltre 4000 anni.

Precedente - 1 2 3 4 - Successiva

Bombyx_mori,_001,_001.jpg
Bombyx mori allo stadio larvale. (Arianna Martolini)

Classificazione, morfologia e ciclo biologico

Il Bombyx mori Linneo 1758 (bombice del gelso, baco da seta o filugello) appartiene alla classe degli insetti, all’ordine dei lepidotteri e alla famiglia dei bombicidi. La sua morfologia allo stadio larvale (bruco) ha le caratteristiche generali di tutte le larve di lepidotteri. L’apparato boccale è di tipo masticatore, in corrispondenza del labbro inferiore si apre la filiera, da cui esce il filo prodotto dalle ghiandole della seta; tali strutture sono due lunghi tubi disposti ai lati della cavità gastrointestinale. La larva è di colore giallo o bruno, cosparsa di peli; alla nascita pesa solo 0,5 mg ed è lunga appena 3 mm. Quando ha compiuto tutto il suo sviluppo ed è pronta per trasformarsi in crisalide, evento che avviene circa 30 giorni dopo la nascita, è lunga 9 cm e pesa circa 4 grammi.

Queste cifre dimostrano che il bruco cresce in 30 giorni 8000 volte il peso originario e 30 volte la lunghezza che aveva da neonato. Nella vita larvale consuma 5 volte il suo peso definitivo. Gli animali superiori, uomo compreso, sono molto meno efficienti nell’assimilazione, dato che per crescere da 3 kg (peso medio alla nascita) a 66 kg (peso medio adulto), cioè 22 volte il peso iniziale, consumano un peso di alimenti almeno 100 volte maggiore del peso dell’adulto. Il corpo della larva è costituito da cuticola, che viene abbandonata periodicamente per consentire alla larva di svilupparsi. Questo fenomeno si compie 4 volte nella vita larvale. In queste fasi la larva rimane immobile e senza nutrirsi per varie ore, come se dormisse; per questo tale fase viene anche chiamata dormita.

Ad ogni muta corrisponde quindi una fase di accrescimento; i periodi di intermuta si chiamano età. Al termine della vita larvale il baco cerca un sostegno a cui fissare il filo di seta per tessere il bozzolo, che dopo 3 o 4 giorni è terminato. All’ interno del bozzolo si compie un’ulteriore muta che trasforma il baco in crisalide; infine dal bozzolo, scollando i fili con liquido alcalino emesso dall’apparato boccale, esce la farfalla.

L’ adulto vive in media 10 - 15 giorni nei quali non si nutre e non vola; unica priorità è la riproduzione. Avvenuto l’accoppiamento, la femmina, riconoscibile per le maggiori dimensioni dell’addome, depone circa 500 uova.

Allevamento

Il Bombyx mori non esiste più in natura, sopravvive solamente negli allevamenti dell'industria della sericoltura. E’ infatti dal 2700 a. C., stando a quanto attestano le fonti cinesi, che il Bombyx mori è stato allevato dall’ uomo con il preciso intento di ricavarne la seta. Le uova (seme - bachi) si conservano in frigorifero, nello scomparto delle verdure (2 – 5° C); inoltre devono rimanere asciutte. L’ allevamento inizia con l’incubazione dell’uovo, che dura circa 18 giorni. Il seme necessita di condizioni di buon arieggiamento (indispensabili per la respirazione dell’embrione) e di ambienti privi di sbalzi di temperatura. Le temperature devono rispettare una fase ascendente che va da 15° a 21° C: ogni diminuzione sarebbe assai dannosa alla robustezza degli embrioni racchiusi nelle uova.

Precedente - 1 2 3 4 - Successiva

01 marzo 2012
Sospensione delle attività redazionali e chiusura del forum.
27 agosto 2010
Aggiunti pulsanti di facebook.
14 maggio 2010
Pubblicato nuovo articolo: Alimentazione in cattività di Testudo hermanni - parte terza, di Fabrizio Fioravanti.
14 ottobre 2009
Aggiunto nuovo sito correlato.
12 aprile 2009
Aggiunto nuovo sito correlato.
05 febbraio 2009
Aggiunta nuova collaborazione: Cooperativa Biosphaera.
20 dicembre 2008
Pubblicato nuovo articolo: Biologia ed allevamento della formica Crematogaster scutellaris, di Serafino Teseo.
11 ottobre 2008
Riorganizzazione del forum.
23 giugno 2008
Riapertura del forum.
27 marzo 2008
Chiusura temporanea del forum.
13 marzo 2008
Pubblicato nuovo articolo: Miscellanea II, di Annalisa Plaitano.
27 febbraio 2008
Aggiornato lo staff.
Archivio news
Sito on-line da maggio 2007, versione 6.0 (BETA).
Sito scritto in php. Questo sito lavora con MySQL. Sito ottimizzato per Mozilla Firefox 2.0. Sito ottimizzato per Internet Explorer 7.0.